Porsche acquista il circuito di Kyalami in Sudafrica

Porsche acquista il circuito di Kyalami in Sudafrica

Porsche acquista il circuito di Kyalami in Sudafrica

Dopo una lunga asta, la Porsche ha acquisito il circuito sudafricano di Kyalami ad un costo di 205 milioni di rand, equivalenti a poco più di 14 milioni di euro. La divisione sudafricana del noto marchio tedesco ha compiuto questa operazione per salvare una delle piste storiche delle corse motoristiche, che era ad un passo dal definitivo fallimento.

Infatti, se nessuno avesse acquistato la proprietà di 72 ettari nella quale è situato il tracciato di 4,26 chilometri, quest’ultimo sarebbe stato demolito. Dopo il circuito di Nardò in Puglia nel 2012, la Porsche ha così scelto di comprare un’altra pista, anche se ancora non si sa come verrà sfruttata. Forse verrà utilizzata per alcuni test di prodotto o per ospitare alcune importanti competizioni, ma sicuramente non per la costruzione di villaggi vacanza, per la gioia di milioni e milioni di appassionati.

L’africa travel operator R-evolution, ha scelto di ripercorrere il Circuito di Kyalami, meta di sicuro interesse non solo per lo sportivo ma anche per ricordare le vicende storiche legate al Motomondiale degli anni ottanta; situato a circa 25 chilometri da Johannesburg e posto a 1500 metri di altitudine, ha ospitato il mondiale di Formula 1 per venti edizioni, fino all’ormai lontano 1993. Qui si sono visti entusiasmanti duelli, come quello tra Lauda e Hunt nel campionato mondiale del 1976.

Purtroppo, il tracciato considerato a quei tempi troppo pericoloso ha causato sei incidenti mortali nelle varie categorie motoristiche tra il 1963 e il 1977. Ed è proprio in questa stagione che si è verificato, proprio in Sudafrica, uno degli incidenti più bizzarri e cruenti della storia della Formula 1, durante il quale il pilota britannico Tony Pryce rimase ucciso dopo essere stato parzialmente decapitato da un estintore che era stato portato da un giovane addetto olandese, che era stato squarciato vivo dallo sfortunato pilota.

sudafrica turismo kyalamiLa vettura di Pryce, ormai già divenuto cadavere, aveva successivamente colpito quella del francese Jacques Laffite, che non riportò serie conseguenze. Nel 1986 è iniziata una lunga fase di declino. Nel 1990 e nel 1991 varie scuderie di Formula 1, tra le quali Williams, Brabham, Tyrrell e Benetton, hanno utilizzato Kyalami per i propri test. Nel 1992 e nel 1993 si è tornato a correre sullo storico tracciato sudafricano, ma per mancanza di fondi quest’ultimo fu messo in vendita, fino a soffrire anche la concorrenza del moderno autodromo di Welkom.

E ora Porsche Sudafrica tenterà di far rinascere un luogo di culto per gli automobilisti, un rimedio forse capace di incentivare in sudafrica il turismo degli amanti delle quattroruote.

RELATED ARTICLES

Emiliana Cantone, la forte voce di Napoli in tour!