Crollo del ponte a Genova, Commissione Ue: la responsabilità è del concessionario

Crollo del ponte a Genova, Commissione Ue: la responsabilità è del concessionario

Crollo del ponte a Genova, Commissione Ue: la responsabilità è del concessionario

“Per quanto riguarda la responsabilità sulla sicurezza delle infrastrutture stradali sul Trans-European transport network (Tent)” e il ponte Morandi rientra in questa rete europea, “nel caso sia gestita da un operatore privato, è il concessionario ad avere la responsabilità della sicurezza e della manutenzione della strada”.

Lo ha dichiarato un portavoce della Commissione Ue Christian Spahr sul crollo del ponte a Genovaricordando che “c’è una direttiva europea del 2008 sulla sicurezza che si applica a tutta o il network Ten-T (Trans-European Transport Network)”.

Il ponte – ha precisato il portavoce – “si trova nel network Ten-T: l’autostrada A10 Genova-Savona fa parte di questa rete, quindi l’infrastruttura deve rispettare i requisiti del regolamento Ten-T”.

E ha ricordato “che le regole di bilancio concordate lasciano agli Stati membri una flessiblità per specifiche priorità e politiche, e questo può essere lo sviluppo infrastrutturale, è prevista inoltre la flessibilità nel Patto di stabilità e crescita e l’Italia è stato uno dei principali beneficiari di questa flessibilità”.

Nel frattempo il sottosegretario alle infrastrutture e trasporti Edoardo Rixi, intervistato da Radio Number One, ha detto che “Lo Stato semplicemente non pagherà” e “se si verificasse che c’è una responsabilità, come temiamo, sul crollo strutturale, di mancanza o di lavori straordinari o comunque di sottovalutazione da parte delle perizie di parte, è chiaro che di fronte a una responsabilità, di fronte a una tragedia, sarebbe folle. Sarebbe l’unico paese che paga chi fa crollare un ponte”.

Il senatore 5Stelle Gianluigi Paragone ha dichiarato invece che “è allucinante che il Pd, dopo aver consentito ai responsabili del crollo del Ponte Morandi di gestire senza alcuna gara la manutenzione delle strade guadagnandoci e basta, ancora parli. Chi ha governato fino a pochi mesi fa dovrebbe fare un mea culpa e dare risposte chiare oppure restare in silenzio”.

www.silenziefalsita.it

RELATED ARTICLES

Il gioco online nelle mani delle mafie: 68 arresti tra Reggio Calabria, Catania e Bari

Il gioco online nelle mani delle mafie: 68 arresti tra Reggio Calabria, Catania e Bari

Avevano bisogno di “quelli che cliccano, che movimentano” i soldi facendoli transitare da un Paese all’altro senza lasciar traccia delle transazioni online,

READ MORE
Percorre 10 km in contromano sulla A24

Percorre 10 km in contromano sulla A24

Nel tratto urbano dalla stazione di Settecamini fino alla galleria Pittaluga, in direzione Roma ieri sera intorno alla mezzanotte un anziano

READ MORE
Desirée Mariottini, Salvini: “No buchi neri in centro”. Raggi: “La Lega non conosce Roma”. Ministro contestato a S. Lorenzo

Desirée Mariottini, Salvini: “No buchi neri in centro”. Raggi: “La Lega non conosce Roma”. Ministro contestato a S. Lorenzo

L’omicidio della 16enne, morta in uno stabile abbandonato nel quartiere San Lorenzo, provoca frizioni tra il vicepremier e la sindaca,

READ MORE
Migranti, 22enne originario del Gambia si suicida: “Gli era stato negato l’asilo”

Migranti, 22enne originario del Gambia si suicida: “Gli era stato negato l’asilo”

Amadou Jawo, un immigrato 22enne originario del Gambia si è suicidato, impiccandosi al cornicione della casa dove viveva con altri connazionali a Castellaneta Marina, in provincia di Taranto.

READ MORE
Allarme della Caritas: ‘In Italia un esercito di poveri in attesa’

Allarme della Caritas: ‘In Italia un esercito di poveri in attesa’

C’è un “esercito di poveri” in attesa che “non sembra trovare risposte e le cui storie si connotano per un’allarmante

READ MORE