Tecniche di Stampa tipografica: La plastificazione della carta

Tecniche di Stampa tipografica: La plastificazione della carta

Tecniche di Stampa tipografica: La plastificazione della carta

Nella stampa tipografica, la plastificazione è un procedimento attraverso il quale la carta è ricoperta da un materiale plastico (polipropilene, acetato o poliestere). Questo metodo permette in brevissimo tempo di fornire maggiore resistenza a tutti i tipi di documento, che tra l’altro sono anche esteticamente più gradevoli. Per tale ragione le macchine plastificatrici sono divenute sempre più presenti in molti uffici e il loro uso è indispensabile per tutti quelli che si occupano di stampa editoriale e pubblicitaria.

una tipografia online come partner nelle necessità quotidiane

Uno dei vantaggiosissimi servizi offerti dalla tipografia online IPrintDifferent è quello di poter richiedere comodamente da casa propria sia la stampa che la plastificazione dei propri documenti, il materiale stampato si potrà successivamente ricevere agevolmente a casa propria, in ufficio o in qualsiasi altro luogo sia necessario.

Alla base delle molte tecniche di plastificazione, un’esempio molto comune è quello relativo alla stampa dei biglietti da visita plastificati, c’è l’accoppiamento di una pellicola di plastica alla carta, che può assumere caratteristiche diverse a seconda del risultato che si vuole ottenere e fino a pochi anni fa era eseguito manualmente. In passato, infatti, si abbinava una pagina adesiva alla carta stampata, questa era pressata da due lamine d’acciaio che, riscaldate a elevate temperature, permettevano l’aderenza perfetta della pellicola al supporto cartaceo (procedimento “a caldo”).

Oggi, invece, accanto al vecchio metodo che tuttora sussiste, si utilizza un processo detto “a freddo” che viene impiegato per la laminazione (protezione) della carta. I macchinari più moderni consentono, attraverso una calandra, l’assemblaggio automatico del film adesivo con il materiale cartaceo.

diverse tecniche di plastificazione per diversi prodotti

Le principali tecniche di plastificazione sono la “dry” (secco-asciutto) e la “wet” (umido-bagnato). Nella plastificazione dry si usano pellicole adesive che sono accoppiate alla carta tramite calore ed è una tecnica che consente la realizzazione del prodotto finito in pochissimo tempo. I vantaggi di questa tecnica sono molti tra cui: un’eccellente brillantezza, nessun residuo di solvente, assenza di scarti dannosi e velocità nelle lavorazioni successive. I costi, tuttavia, sono più elevati e, inoltre, bisogna prestare molta cura all’essiccazione dell’inchiostro ed è necessario considerare che potrebbero nascere dei problemi con la carta più leggera.

La plastificazione wet, al contrario, viene eseguita mediante l’uso di particolari adesivi, che possono essere a base acquosa o di solvente e “solventless”. E’ una tecnica che garantisce degli effetti straordinari su qualsiasi supporto cartaceo, ma, dati gli innumerevoli passaggi di lavorazione, è più elaborata della plastificazione “dry” e i tempi necessari per ottenere il prodotto finito son più lunghi.

RELATED ARTICLES

L’eCommerce in Italia supera 27,4 mld euro

L’eCommerce in Italia supera 27,4 mld euro

Nel 2018 l’eCommerce in Italia supera i 27,4 miliardi di euro (+16% rispetto al 2017). La crescita del mercato in

READ MORE
È arrivato il momento di abbonarsi a Whatsapp Ecco come fare

È arrivato il momento di abbonarsi a Whatsapp Ecco come fare

Meno di un euro all’anno: ecco il costo di Whatsapp, la più diffusa e famosa applicazione per scambiare messaggi e

READ MORE
Al via la VI Edizione dell’Ecommerce Day

Al via la VI Edizione dell’Ecommerce Day

Il 9 giugno 2015, al Mirafiori Motor Village di Torino, si terrà la VI edizione dell’Ecommerce Day, l’evento nazionale dedicato al mondo

READ MORE
Cosa sono i dispositivi dimmer dmx?

Cosa sono i dispositivi dimmer dmx?

dimmer dmx, nuove idee di illuminazione LED la tua casa Probabilmente tutti a casa abbiamo almeno una lampada dotata di

READ MORE