Alla scoperta del Museo della stampa di Lodi

Alla scoperta del Museo della stampa di Lodi

Alla scoperta del Museo della stampa di Lodi

Il Museo della stampa e stampa d’arte di Lodi ubicato all’interno dell’ex sede tipografia Lodigraf attiva fino al 1980, fu inaugurato il 7 giugno del 2008, e titolato ad Andrea Schiavi imprenditore e fondatore.

Quest’ultimo nato a Lodi nel 1931 creò nel 1975 l’edizione Lodigraf, chiamate dopo un ventennio Pomerio, che si occupavano di stampe d’arte, di cultura, di geografia e di costume. Oggi l’area espositiva del museo, si estende per circa duemila metri quadrati, e rappresenta una realtà museale importante in materia di macchine e accessori per la stampa e l’editoria. Nelle sue sale espositive è possibile ‘conoscere’ di persona i capostipiti della più moderna tipografia online, sono infatti conservate attrezzature e reperti di litografia e tipografia, serigrafia e calcografia, xilografia, stampa offset e stampa digitale.

Le grandi sale dell’ex tipografia Lodigraf ospitano attrezzature risalenti al 1500, torchi, presse ottocentesche in ghisa, motrici e cassettiere in legno complete di caratteri.

All’interno della sala antichi torchi del museo, è conservato il torchio Columbian in acciaio e ghisa, unico esemplare in Italia creato a Londra nel 1817 dall’americano George Clymer, il torchio stanhope realizzato dalla fabbrica Dell’Orto per l’ incisore e fondatore dei caratteri in piombo Claudio Wilmant attivo a Milano e Lodi, e alcuni torchi Albion.

moderna tipografia onlineNella sala legatoria del museo possiamo seguire le prassi che consentivano di stampare i libri e rilegarli ad arte, difatti sono presenti macchine per tagliare, cucire, piegare, unire fogli di carta stampata e il bancone da legatore appartenente alla rinomata legatoria milanese Torriani attiva dal 1902 al 2005.

Di particolare importanza sono le macchine dattilografiche monotype e lynotipe di cui si può osservare il funzionamento, i macchinari della società Calcografia e Cartevalori di Milano fondata nel 1894, le macchine per la stampa Braille, l’impianto per stampa a rilievo, le macchine tipografiche risalenti al 1500, il bancone e la cassettiera per la lavorazione dei caratteri a piombo, il prototipo del torchio di Gutenberg in scala 1:5, il libro più grande e più piccolo del mondo.

Nella sala della stampa d’arte si trovano una raccolta di pietre litografiche proveniente dalla casa editrice Vallardi realizzate tra il 1860 e il 1930, torchi litografici a stella e macchine per stampe artistiche.

RELATED ARTICLES

“THE ITALIAN AFFAIR” di  Fabio Massimo Bonini da Youtube passa alla  Tv

“THE ITALIAN AFFAIR” di Fabio Massimo Bonini da Youtube passa alla Tv

Dalla seconda settimana di Marzo  “The Italian affair “ il format originale del life style italiano e del made in

READ MORE
NUNZIO BELLINO, L’ UOMO ELASTICO DIVENTA UN GADGET LUMINOSO

NUNZIO BELLINO, L’ UOMO ELASTICO DIVENTA UN GADGET LUMINOSO

Nunzio Bellino attore e personaggio è venuto alla ribalta per aver sconvolto il mondo con la  storia toccante e profonda

READ MORE
ORNELLA GIUSTO,  PROTAGONISTA SU RAI 1.  L’INTERVISTA

ORNELLA GIUSTO, PROTAGONISTA SU RAI 1. L’INTERVISTA

Abbiamo incontrato Ornella Giusto, attrice italiana nel cast della soap di Rai1 “IL PARADISO DELLE SIGNORE” Ornella, come ti sei

READ MORE
FABIO MASSIMO BONINI, ALLA SCOPERTA DEL MADE IN ITALY CON ” THE ITALIAN AFFAIR”

FABIO MASSIMO BONINI, ALLA SCOPERTA DEL MADE IN ITALY CON ” THE ITALIAN AFFAIR”

SU YOUTUBE UN FORMAT INNOVATIVO E CULTURALE DAL RESPIRO TUTTO ITALIANO  “The Italian affair” * (alla ricerca dello stile italiano

READ MORE